RdG intervista Simona Mangiapelo

L’autrice di Di nessuno, il romanzo che tocca argomenti relativi alla sfera femminile, ma non solo, Simona Mangiapelo è stata ospite il 15 febbraio per il secondo appuntamento dGiovedì in libreria. Con le letture coinvolgenti di Giovanni Lucchese siamo entrati nella trama del libro edito Alter Ego e abbiamo conosciuto una Simona scrittrice, donna appassionata e lettrice.

ruedegrenelle-mangiapelo

Grazie a tutti coloro che sono intervenuti contribuendo al successo dell’evento.

Fiera internazionale dell’editoria – Milano 2018

Cinque giornate per vivere al massimo la passione per la lettura e per l’editoria. La manifestazione milanese quest’anno si svolge dall’8 al 12 Marzo nella struttura di Fieramilanocity (M5 lilla – fermata Portello), e presenterà altrettanti tematiche che coprono gli interessi dei lettori e degli addetti ai lavori a trecentosessanta gradi.

tempodilibrimilano

Si parlerà di:

DONNE Giovedì 8 marzo: 10 – 20.30
RIBELLIONE Venerdì 9 marzo: 10 – 22
MILANO Sabato 10 marzo: 10 – 22
LIBRI E IMMAGINI Domenica 11 marzo: 10 – 20.30
MONDO DIGITALE Lunedì 12 marzo: 10 – 18.00

N7 rue de Grenelle ci sarà per catturare nuove appetitose proposte editoriali e stringere amicizie letterarie con nuovi autori ed editori.

Per tutti i dettagli di questa manifestazione imperdibile, il sito: www.fieramilano.it

RdG incontra Simona Costa

Si è tenuta il 18 gennaio la prima intervista del ciclo dGiovedì presso la libreria I Trapezisti di Roma. L’autore Simone Costa del romanzo I favolosi anni ’85 edito da Spartaco, si è prestato tra il serio e il faceto a rispondere agli approfondimenti e alle curiosità sul suo libro, riuscendo in un piacevole e informale incontro letterario, impreziosito dalle letture di alcuni passaggi dalla voce di Claudia Pavoletti.

SimoneCosta incontro rdG

Prossimo appuntamento, giovedì 15 febbraio 2018.

Alla fiera del libro “La Roma di Pasolini”, presentato dall’autore Dario Pontuale.

Ci eravamo lasciati alla fine della sua intervista con l’appuntamento per presentare il nuovo lavoro, e così è stato giovedì 7 Dicembre a Più Libri Più Liberi 2017, presenti oltre all’autore, l’editore Nova Delphi Libri Germano Panettieri e lo scrittore Enzo Di Brango.

La roma di pasolini Pontuale
Dario Pontuale e Germano Panettieri

 

La Roma di Pasolini è un libro dedicato al fortissimo legame del poeta e scrittore con la “sua” Roma in cui ha vissuto dal 1950 fino alla sua tragica morte nel 1975. Un quarto di secolo per conoscere la città nella sua grandezza e con le enormi contraddizioni, lui che proveniva dal Friuli e ha imparato il romanesco grazie agli amici.

Nella presentazione del saggio, scritto nell’originale forma di raccolta di lemmi dalla A alla V, l’autore ha parlato di come Pasolini è riuscito nella sua opera letteraria, ma anche col suo impegno sociale a descrivere magistralmente quella Italia in quel momento storico, quando c’era “la promessa di un boom economico” che avrebbe ridotto le differenze sociali appiattendo i ceti più poveri su quello borghese in una nuova ricchezza materiale. Un vademecum per percorrere i luoghi che furono “toccati” da Pasolini (le vie che frequentava, i quartieri in cui ha abitato, i ristoranti dove andava a mangiare, i suoi film) e simultaneamente passeggiare, saltando da un lemma all’altro oppure attenendosi al rigore dell’ordine alfabetico, per una Roma sparita di un recente passato la cui memoria è riservata solo alle persone che c’erano e Pasolini l’hanno conosciuto personalmente.

la roma di pasolini

La Roma di Pasolini
Dizionario urbano di Dario Pontuale
introduzione di Simona Zecchi
Edizione Nova Delphi Libri – Pagine 320 – Prezzo 15,00 euro

Fiere e Festival del libro nel 2018

Ci avviciniamo alla conclusione di quest’anno, in attesa dell’ultima fiera del libro del 2017, Più libri, più liberi di Roma che tutti conoscono, ma subito dopo ci aspetta un 2018 altrettanto ricco di appuntamenti da non perdere. Qui di seguito una lista di alcuni importanti eventi, in tutto il territorio nazionale, di cui prendere nota.

2018 fiere libro

Un evento a metà strada tra la classica fiera del libro e una vacanza di primavera, da organizzare anche in famiglia, è Una nave di libri per Barcellona 2018, una crociera in Grimaldi Lines dal 21 al 24 aprile, per la festa di Sant Jordi secondo la cui tradizione , lungo le affollatissime e colorate ramblas della città catalana gli uomini regalano rose rosse e le donne… libri!

Selvaggia Lucarelli, presentazione alla libreria Europa a Roma

Selvaggia mi è simpatica, la trovo temeraria quando pubblica i suoi post andando dritta come una freccia a dire quello che molti pensano e non hanno il coraggio di esprimere, e riesce a gestire tutte le cyberoffese che riceve con disinvoltura mentre io al suo posto emigrerei in Nuova Zelanda, per questo mi è simpatica.

lucarelli selvaggia
Selvaggia Lucarelli e Marco Travaglio alla libreria Nuova Europa
Ieri, 29 settembre (citando involontariamente Mogol) sono stata alla sua presentazione al centro commerciale I Granai a Roma, del libro Dieci piccoli infami. Probabilmente la location non era la più adatta in città o forse Selvaggia doveva distribuire più date in altre librerie romane invece che concentrare tutto nella libreria Europa; fatto sta che pur arrivando un’ora prima dell’inizio ho trovato solo posti in piedi, i librai che davano fondo al retrobottega per offrire uno sgabello alle signore di una certa età che non avrebbero retto. Io ho retto, in piedi per due ore cedendo solo alla calca finale creata dai fan per avere un autografo e, ovviamente, un selfie con l’autrice.
La presentazione è stata brillante, spiritosa, autoironica proprio come è Selvaggia (più bella dal vivo che in tv). Un appunto se posso farlo è quello di aver praticamente descritto tutto il libro, che quasi è inutile ormai che io lo legga.
La riuscita dell’evento, però, trovo che debba attribuirsi honoris causa all’intervento di Marco Travaglio: il datore di lavoro che tutte le “lucarelle” del mondo sognano. Principe della parola, anche lui un bel vedere di persona, ha dato lustro alla presentazione, con quella capacità innata di far sentire stupide tutte le donne che interloquiscono con lui.
Peccato che la mia claustrofobia non mi abbia permesso di resistere alla folla di ammiratori e sono andata via senza dedica, confusa e felice (citando volontariamente la Consoli). Ma l’autografo di Travaglio, preso!