“XXL” di Anna Cambi

Abbiamo già incontrato in questo blog l’autrice Anna Cambi al suo esordio col romanzo Rosso fuoco; è con piacere che recensiamo la seconda opera in cui ritroviamo i temi della diversità e delle difficoltà di trovare la propria strada tipiche della fase adolescenziale.

XXL
XXL – 2018

La protagonista è Silvia, una ragazza sovrappeso di quattordici anni che vive il dramma di una relazione con la madre più che conflittuale: assolutamente dannosa. Sua madre infatti, ex reginetta di bellezza che ha fatto dell’apparenza esteriore un fondamento dell’esistenza, trascina Silvia in una sorta di campus estivo in cui il “programma” consiste nel seguire diete, estenuanti sedute in palestra, e non ultime le lezioni che sua madre stessa dà alle ospiti del centro, in merito a come si “salva” il look in caso di oversize, quale make-up assottiglia i lineamenti del viso, e così via… In questi workshop sua madre-matrigna si avvale della partecipazione di due ragazze dal fisico opposto a quello di Silvia, Astrid e Helena magrissime, bellissime e cattive. Non sarà facile per Silvia affrontare la settimana di soggiorno forzato al centro dimagrimento; non bastando l’ostilità delle due “vallette” della madre, non basta la presenza di una tedesca insegnante di fitness, né quella del viscido medico della struttura, la parte peggiore consiste nel farsi accettare dal gruppo delle altre ragazze decisamente più obese di lei e che mostrano il lato peggiore sviluppato nel terreno fertile della sofferenza.

«Se io sono grassa queste ragazze sono ipergrasse, megagrasse, enormi, mastodontiche, ammassi di ciccia che si deforma in pieghe grottesche e lotta contro i vestiti taglia XXL.»

Il centro dimagrimento è circondato dal bosco, è lì che sembra esserci qualcosa di strano, voci forse persone che osservano da lontano nascoste dietro gli alberi. Il bosco emana un richiamo inebriante, rappresenta la meta di una desiderata fuga dal centro, ma al tempo stesso il luogo in cui si concentra qualcosa di oscuro.

«È buio dentro il bosco. Eppure i suoi occhi si sono abituati subito all’oscurità, i piedi sanno come evitare gli intralci e trovano i sentieri senza sforzo. Si muove rapido e sicuro tra gli alberi, come una bestia della notte, come un cieco dentro la propria casa. Perché in fondo è lì che sono. A casa. E tutto in loro, è cambiato. Il bosco ti cambia. Solo una cosa è rimasta la stessa. La fame. Ma il bosco saprà come sfamarli.»

Un romanzo piacevole, su un tema attuale dai risvolti crudi. Lo stile narrativo di Anna Cambi è un vestitino da bambola dai leggeri svolazzi che copre un contenuto di vuoto e di nero che alberga in ciascuno di noi.

 

Edizioni Alter Ego – Pagine 118 – Prezzo 12,00€

VOTO: voto 4

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...