|La pigrizia del cuore | di Rossella Tempesta

la pigrizia del cuore
La pigrizia del cuore – 2018

Leggendo questo romanzo, esordio narrativo dell’autrice, si percepisce subito il tessuto poetico di cui è intriso. Rossella Tempesta è una poetessa e ci regala la sua sensibilità artistica attraverso la storia di Stella, bella ed empatica protagonista, un brillante avvocato che sta vivendo un momento di difficoltà esistenziale, un periodo in cui il suo cuore è diventato pigro e non vuol più amare. Sullo sfondo di una Napoli tanto caotica e difficile da vivere nel quotidiano, quanto unica e incantevole espressione di un patrimonio artistico ricchissimo, Stella si prende qualche giorno di vacanza dallo studio legale e dagli impegni di madre divorziata, per visitare un paesino abruzzese alle pendici della Majella.

«La pigrizia del cuore, ripeto come tra me e me. Dev’essere che ce l’ho anch’io questa malattia, si può guarirne?»

Il proprietario dell’unico bar nella piazza del paese regala a Stella un libro sulla storia del Castello e della bella nobildonna che vi viveva nel secolo scorso. Il viaggio geografico che offre l’occasione di descrivere i meravigliosi panorami della regione, si immedesima in un viaggio storico a ritroso tra le mura della ricca proprietà in cui Angelina e Rocco si consumano in un amore struggente quanto intenso, reso impossibile dalla società del tempo e dalla mancanza di libertà delle donne.

«É diventato il palazzo della cultura, Angelina, il luogo che ha avuto cura del tuo esilio, del tuo confino di tutta una vita. Ci sono entrata, Angelina, ho salito con te e Rocco il grande scalone, ho seguito i vostri passi invisibili e qualcosa, credo il mio pigro cuore in clausura, ha ripreso a muoversi nel petto.»

C’è molta arte in questo libro, c’è molta natura, e tanta tanta bellezza. La bellezza dei luoghi, la bellezza dei sentimenti quando sono veri e fanno sentire vivi, ma anche la bellezza dell’autodeterminazione e della forza che soprattutto le donne sanno dimostrare di avere e di saper usare per il loro bene, per il bene di tutti. In ogni pagina si incontra una citazione, un capolavoro, uno splendore del territorio, una poesia. Tanta grazia, troppa grazia forse, tutta insieme.

L’arte che traspare e che viene lasciata all’ammirazione del lettore, non deve però far perdere il contatto con la realtà, quella in cui Stella deve tornare dopo la breve e proficua fuga. La trama quindi si arricchisce ulteriormente della denuncia di temi forti, sociali e psicologici, attuali e scottanti come la violenza sulle donne, i risultati di un amore sbagliato, l’incapacità conseguente di riuscire ad amare un’altra volta.

«Uno, nessuno, centomila. Non siamo quello che fissamente crediamo. Siamo quello che scopriamo di essere e non è mai una scoperta definitiva.»

Si può guarire dalla pigrizia del cuore? Si deve.

Edizioni Spartaco – Pagine140 – Prezzo 11.00€

VOTO: voto 3

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...