Non lo saprà nessuno di Anna Francesca Vallone

non lo saprà nessuno
2016 – Non lo saprà nessuno

Lisa e Bianca sono amiche, si sono conosciute adolescenti al mare a Tropea e hanno rappresentato una svolta l’una per l’altra fin dal primo incontro. Bianca più piccola, la voce narrante, vede Lisa come il riferimento a cui tendere, l’appiglio a cui aggrapparsi per venire fuori dalle sabbie mobili dei suoi sedici anni: l’età in cui tutto è da realizzare e le paure hanno la stessa potenza della voglia di scoprire il mondo. D’altro canto Lisa diciannovenne, non riesce a fare a meno della “diversità” dell’amica, unica rispetto alle altre precedenti amicizie.

Non avevo altri appigli, e allora ho sperato di riuscire a legarmi a quella mano senza doverla abbandonare mai.

Bianca è una ragazza che da sempre si sente sbagliata e soffre di quel disturbo che rende tutto più difficile e ingigantisce il dolore: tiene tutto dentro. Non manifesta i suoi bisogni, non esprime i suoi disagi e lentamente somatizza emozioni negative che la portano a situazioni disperate. E quando si è disperati si fanno cose assurde…

Il legame che hanno instaurato è talmente forte che soffrono ogni volta che un “maschio” si intromette tra loro e questo accade spesso, a entrambe perché sono entrambe molto attraenti.

Ma ci sono affinità più profonde che uniscono le due giovani donne, un doloroso bisogno di condividere solitudine, segreti di sofferenza passata che entrambe hanno custodito e che forse adesso che si sono riconosciute, possono iniziare a confidare.

Non avevano ancora conosciuto il sesso e consideravano gli uomini essenzialmente dei pericolosi rivali, visto che il sentimento di amicizia si trasformava man mano in un conturbante rapporto tra loro sempre più fisico.

Mi chiedevo chi sarebbe stato l’uomo che l’avrebbe presa, come se l’avrebbe sottratta a me, prima che al resto del mondo. E mi chiedevo quando sarebbe successo: prima che qualcuno prendesse me o dopo?

Ci si può sentire diversi perché strani, oppure diversi perché speciali. La differenza è quello che conta se si tratta di sofferenza adolescenziale. Bianca impersona tanti ragazzi che conosciamo, i nostri stessi figli di cui troppo spesso non sappiamo molto e non riusciamo quindi ad aiutare.

Per fortuna ci sono gli amori che intervengono a riportare serenità e tranquillizzare gli animi sia di Bianca che, corteggiata si stente finalmente normale, sia di Lisa che si butta nella sua “prima volta” come in una terapia per dimenticare il trauma che l’ha segnata.

L’intensità dei sentimenti provati dalle due amiche, e descritti dall’autrice in modo talmente naturale e realistico, colpiscono profondamente e costringono a meditare su argomenti che sono appartenuti a generazioni intere, ripetendosi sempre uguali eppure diversi per ciascun individuo. La sensazione di impotenza davanti all’inganno e al tradimento, la cattiveria che solo la gelosia e l’invidia sanno scatenare, sono tra le cause della rottura dell’idilliaca amicizia proprio quando si stava tramutando in amore.

Quello che provavo per lei era troppo amore, scappava da ogni parte, prendeva forme diverse, e all’improvviso è esploso in quella maniera vergognosa. Non avevo saputo gestirlo, e non lo sapeva gestire nemmeno lei.

Un malessere così profondo, una disperazione così totalizzante, descritta con parole così partecipative da riuscire a esorcizzare un male come si fa con la paura razionalizzandola in modo che non faccia più così paura.

Questa appassionante lettura scoperchia la voragine che c’è ad attendere inesorabile chi non si sente amato. Il bisogno di essere amati può trasformarsi in bisogno di amare, anche se chi lo riceve non lo vuole e si finisce con dare amore “al nulla”.

Bianca e Lisa sono anime ferite, che cercano ciascuna secondo la propria natura, il modo di sopravvivere a qualcosa che è loro mancato da piccole; si contrappongono, si compensano, nonostante provino di continuo ad allontanarsi non potranno mai spezzare il filo che le unisce.

Edito da: Compagnia editoriale Aliberti Srls – Pagine 228 – Prezzo 17,00 €

VOTO:voto 4

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...